Si è svolto a Roma il convegno sulla legge 13/89 organizzato da FIABA Onlus e Federsanità ANCI

Pubblicato il Pubblicato in Uncategorized

Mercoledì 19 giugno alle ore 9.00, si è svolto a Roma presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri il convegno celebrativo a trent’anni dalla promulgazione della legge 13/1989 per il superamento delle barriere architettoniche “Accessibilità, visitabilità, adattabilità: la Total Quality per la persona con disabilità”.

La giornata, magistralmente condotta dal giornalista Michele Cucuzza, ha visto la presenza del Disability Manager di Roma Capitale Andrea Venuto che ha sottolineato che "un'azione globale su Roma non è pensabile e si sta lavorando su piccoli interventi dai quali è comunque importante iniziare"; l'ex Presidente Corecom Lazio Michele Petrucci il quale ha ricordato "l'importanza dei media e della comunicazione nella valorizzazione delle buone prassi sull'abbattimento delle barriere architettoniche"; il Presidente di FIABA Onlus Giuseppe Trieste ha ribadito come "la legge 13/1989  è stata sicuramente innovativa e, sebbene sia nata con le migliori intenzioni, non ha prodotto gli effetti sperati. Inoltre, la legge rimane legata ad una visione della disabilità ormai superata. Da tempo si parla di persona a ridotta mobilità con una visione più globale verso le esigenze di tutti, superando le attuali divisioni e incoerenze, e rispondendo alla sempre più crescente richiesta della società di inclusione, non più solo di integrazione"; il Terapista Occupazionale dell’U.O.C. Unità Spinale CTO “Andrea Alesini” di Roma Leandro Segaletti ha spiegato come il suo ruolo sia quello di "insegnare alla persona con lesione midollare a riappropriarsi della propria vita in autonomia. Purtroppo però in Italia prevale una mentalità assistenzialista che spesso non favorisce il reinserimento della persona con disabilità con relativi accorgimenti per il superamento delle barriere architettoniche"; il Coordinatore dei Dipartimenti di Prevenzione ASL Federsanità Domenico Della Porta che ha affermato che "fino ad oggi le leggi relative all'abbattimento delle barriere architettoniche sono state molteplici e gli ambienti su cui si sono concentrate sono state quelli di vita, lavoro e cura"; il Consigliere del Consiglio Nazionale Ingegneri Massimo Mariani ha concentrato la sua attenzione sull'accessibilità degli edifici in relazione alla sicurezza in situazioni di pericolo sismico: "un sisma provoca un effetto di disgregazione. In situazioni del genere come può salvarsi una persona con difficoltà di movimento? Bisogna progettare e riprogettare per consentire a tutti di evacuare gli edifici nel modo più rapido e sicuro possibile"; il Presidente del Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati Maurizio Savoncelli ha ricordato che "nel 1989 il tema delle barriere architettoniche emergeva in modo molto chiaro ma oggi è una tematica quanto mai attuale, in relazione anche all'invecchiamento progressivo della popolazione. Il problema riguarda tutti"; il Presidente di UNAI – Unione Nazionale Amministratori di Immobili Rosario Calabrese ha fatto notare che "l'adeguamento dei nostri condomini è fondamentale non solo per chi ci vive ma anche per chi si reca in visita". A conclusione degli interventi la Presidente di Federsanità ANCI Tiziana Frittelli ha sostenuto che "l'accoglienza della diversità è importante e deve essere alla base del sistema sanitario nazionale". 

Sono intervenuti altresì: il Direttore della Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana Enrico Michetti; il Componente dell'Osservatorio Accessibilità dell'Ordine degli Architetti di Roma e Provincia Enrico Ricci e infine Andrea Battistoni in rappresentanza del Sottosegretario di Stato per la Famiglia e le Disabilità Vincenzo Zoccano.

Il convegno è stato organizzato in collaborazione tra FIABA Onlus e Federsanità ANCI.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *